LUCCA CANTARIN E I DOLCI LIEVITATI

cantarin_colazione

Se chiedi a Lucca Cantarin di raccontare la sua storia e il suo legame con l’arte dolciaria ti porta indietro nel tempo: al 1911, con l’attività di gelateria del nonno Mario, e poi agli anni Sessanta, con la prima gelateria aperta da mamma Marisa. Da lì inizia tutto, quasi per destino. In realtà però la storia di Lucca Cantarin con la pasticceria è una storia fatta di impegno personale, studio e dedizione e un pizzico di coraggio.


«Perché quando si decide di fare una cosa, bisogna farla bene. Solo così si trasmette la passione per le cose buone. Se fatta male, significa che si ha poca stima innanzitutto di sé stessi e non ha senso».

Lucca Cantarin sorprende con i fatti. Dalle sue poche parole traspare tutta l'intraprendenza e la determinazione che guida il suo lavoro. Riprendendo Oscar Wilde, scrive nel sito della sua pasticceria di avere gusti semplicissimi e di accontentarsi solo del meglio. Dagli studi di sala all’alberghiero non aveva trovato le risposte creative che cercava; per questo ha scelto la strada della pasticceria. 


«Ricordo l’emozione della prima volta in cui sono entrato in un laboratorio. Ho detto che non avevo nessuna preparazione. Mi hanno risposto: è proprio quello che cerchiamo».


Era la cucina delle Calandre, ristorante stellato della famiglia Alajmo. Da lì è iniziato un capitolo nuovo della sua storia professionale, sempre più affascinante. Studi all’estero nei migliori laboratori internazionali e stage al fianco dei maestri nazionali. Poi, il grande salto imprenditoriale per aprire una pasticceria da gestire insieme alla sua famiglia. Idee chiare, forza di volontà e prodotti sempre di alta qualità. Il tempo gli ha dato ragione.



20150805_092121 - Versione 2

Perché raggiunge livelli d’eccellenza in tutte le preparazioni, sempre ricercando innovazione e creatività. Una pasticceria che emoziona all’assaggio, regalando suggestioni. Ma rafforza un legame stretto con i lievitati: dai piccoli lievitati per la prima colazione al grandi dolci per le feste, su tutti il suo panettone.


«I lievitati fanno dormire poco ma regalano enormi soddisfazioni. Il panettone soprattutto regala al pasticcere emozioni difficili da trasmettere. Il risultato finale è un insieme perfetto di consistenza e tenacia, di forza e di leggerezza. Serve una lenta lievitazione e una corretta tecnica di impasto per combinare insieme tutte queste qualità.»


Lucca Cantarin prepara lievitati e panettoni non solo durante le festività, ma in ogni momento dell’anno e propone diversi abbinamenti di gusto e strutture: “ma il legame più forte rimane sempre per quello tradizionale, anche se l’ultima ricetta creata, con pasta di mandorle e marroni canditi è stato un successo”.


Il legame con il mondo dei lievitati è rafforzato da un grande passione per la farina:


«Ho scelto Petra e una farina da macinatura integrale a pietra perché offre sicurezze di stabilità, ma soprattutto è un ritorno al passato, regala profumi e aromi che completano e danno equilibrio ai miei dolci».





Dove scoprire i dolci di Lucca Cantarin


Pasticceria Marisa
Via Roma, Arsego di San Giorgio delle Pertiche (Padova)
Telefono:
049/9330079




Lucca Cantarin ha scelto PetraMQDove_senzabordo 133